WORKSHOP SU INCLUSIONE ROM, SINTI E CAMINANTI

 

 

Il Centro Ambrosiano di Solidarietà (CeAS) Onlus e l'Associazione 21 Luglio, promuovono un workshop dedicato allo stato di attuazione della Strategia nazionale di inclusione di rom, sinti e caminanti approvata dal Governo Italiano nel 2011. L'evento si terrà a Milano, il 27 ottobre al mattina presso Palazzo delle Stelline.
Il Workshop è Inserito all'interno del progetto europeo PAIRS ( http://it.pairs-see.net/) di cui siamo partner con Associazione Opera Nomadi Milano.

L’incontro sarà l'occasione per presentare la ricerca “La tela di Penelope” che è stata realizzata dall'Associazione 21 Luglio in collaborazione con la Roma Decade for Social Inclusion e che valuta quanto è stato fatto in Italia per le comunità rom nei due anni successivi l'approvazione della Strategia nazionale. 

 

 

 

 

 

IN FESTA 2014 II

 

SCARICA IL VOLANTINO

 

 

 

 

 

 

               

             

           AL NORD LA MAFIA NON CI RISULTA

Venerdì 16 maggio alle ore 18,00 all’Archivio di Stato di Rovigo terzo incontro della rassegna "Tra memoria e futuro" organizzata dal Centro Francescano di Ascolto con il contributo della Fondazione Banca del Monte. Sarà presente Enzo Ciconte, docente di storia della criminalità organizzata dell’Università Roma Tre, all'Università degli Studi dell'Aquila, e autore, tra l’altro, dei libri “Politici (e) malandrini” - "Le proiezioni mafiose al nord" - "Le costanti mafiose"; a condurre l’incontro Roberto Tommasi, coordinatore provinciale di Libera Rovigo.

 

Per info:

Centro Francescano di Ascolto

 tel. 0425200009

www.centrofrancescanodiascolto.it

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.  

 SCARICA LA LOCANDINA

 

 

 

 

 

 

 

 

wefree3ppt
 Il progetto WeFree, portato avanti dalla Comunità San Patrignano col sostegno del Ministero dell'Istruzione, del Dipartimento Nazionale Antidroga e altri enti, prevede un ampia rete di interventi di prevenzione sul territorio nazionale. L'evento WeFree Days, che ogni anno dà il via alle attività, si articolerà in due giornate, 11-12 ottobre, dedicate a tematiche relative alla tossicodipendenza e al disagio sociale giovanile.
 Clicca qui per scaricare il programma dell'evento WeFree
Clicca qui per scaricare l'invito dell'evento WeFree

 

 

 

 

 

 

titolo bando NEW 4 SMALL

 

E' attiva la seconda fase della procedura per l'adesione alla manifestazione di interesse 2013.

Tale fase prevede:


- la compilazione del file excel con i dati economici relativi al periodo 01/07/2012 al        30/06/2013 pagati, inevasi o ceduti al 30/09/2013 

      
- l'inserimento del file excel nel portale liferay per l'elaborazione automatica

E' fondamentle aver letto con cura la guida per completare correttamente la procedura.

La seconda fase si chiude lunedì 2 dicembre 2013.

 

 

Scarica i seguenti documenti necessari per la II fase: 


- Guida alla compilazione (clicca per il download)

 

 File Excel (clicca per il download)


- Elenco Aziende Sanitarie (clicca per il download)

  


Clicca qui per accede al portale liferay e inserire il file excel

 

 

 

 

 

 

titolo bando 3 light

 

Dal 1 al 20 ottobre 2013 si riapre la procedura on line per l'adesione alla manifestazione d'interesse al progetto Comunitalia finanziato dal Dipartimento Politiche Antidroga.

  

La procedura on line sarà articolata in due fasi:

1a fase) Raccolta dei dati anagrafici delle sedi autorizzate a partecipare.
2a fase) Raccolta dei dati economico-finanziari.


Nel bando sono descritte nel dettaglio le modalità e i termini di partecipazione. Clicca sui link in basso per aderire al progetto.

 

download 2 light

Manifestazione di Interesse 2013 - Conferme adesioni
Manifestazione di Interesse 2013 - Nuove adesioni

 

 

 

.

  

 

wefree3ppt
 Il progetto WeFree, portato avanti dalla Comunità San Patrignano col sostegno del Ministero dell'Istruzione, del Dipartimento Nazionale Antidroga e altri enti, prevede un ampia rete di interventi di prevenzione sul territorio nazionale. L'evento WeFree Days, che ogni anno dà il via alle attività, si articolerà in due giornate, 11-12 ottobre, dedicate a tematiche relative alla tossicodipendenza e al disagio sociale giovanile.
 Clicca qui per scaricare il programma dell'evento WeFree
Clicca qui per scaricare l'invito all'evento WeFree

 

 

 

 

Comunità terapeutiche: “Riavviare il Fondo nazionale sulle tossicodipendenze” (da "Redattore Sociale", 20/06/2013)

La proposta verrà lanciata domani da Comunitalia nel corso di una
conferenza stampa presso la Sala stampa estera. Tra le richieste al
governo anche rette più uniformi, un tavolo interregionale permanente e
budget adeguati


20 giugno 2013


ROMA – “Il governo riavvii il Fondo nazionale sulle tossicodipendenze”, l’appello lanciato
da Giovanni Pieretti, presidente di Comunitalia, verrà formalizzato durante la conferenza
stampa che si terrà domani mattina presso la sede della Stampa estera a Roma. Attivo
fino al 2000, il fondo è stato inglobato in quello per le politiche sociali, con l’arrivo della
legge 328, ma secondo Pieretti, da allora qualcosa è cambiato. “Non sparo sulla 328 che
è una delle leggi più belle che l’Itala abbia mai fatto – ha aggiunto Pieretti -. Il legislatore
aveva delle buone intenzioni, ma di fatto ha causato la chiusura del fondo. L’idea che lo
Stato abbia un po’ rinunciato a questo, e nel 2000 non c’era la crisi economica, mi
sembra grave perché le comunità potrebbero attuare dei buoni progetti preventivi”.
Tra le richieste avanzate da Comunitalia, oltre all’adeguamento delle rette su tutto il
territorio nazionale “sulla base delle reali necessità in relazione ai criteri minimi di
accreditamento ed alle specificità dei diversi servizi” (vedi lancio precedente), anche
quella di istituire un tavolo di confronto interregionale permanente, con la partecipazione
del Dipartimento per le Politiche antidroga, “per superare le diversità di applicazione
dell’accordo Stato Regioni e dell’Atto di Intesa, con particolare riferimento ai criteri di
accreditamento ed autorizzazione al funzionamento, a garanzia dell’uniformità dei Lea su
tutto il territorio nazionale”. Infine, per Comunitalia è necessario “garantire in ogni
Regione le risorse necessarie al mantenimento del sistema si cura e riabilitazione
(pubblico e privato), calcolato in almeno l’1,5% del budget assegnato dalle Regioni alla
Sanità Regionale”.
Secondo Comunitalia, infatti, in ogni regione italiana è in atto “una riduzione generale del
volume massimo di prestazioni erogabili previste negli accordi contrattuali con il privato
accreditato, ma tale riduzione, per le Comunità Terapeutiche che già da sempre
lavorano sotto soglia minima, incide pesantemente sul sistema, sia in termini di
sostenibilità, sia, purtroppo, di qualità del servizio reso, con ogni immaginabile
conseguenza nei confronti del cittadino”. Una “inadeguatezza” di risorse che rischia di
determinare costi sociali “altissimi”, che potrebbero essere evitati attraverso “una
programmazione ancorata alla certezza di risorse sufficienti”. (ga)

 

Pubblicato su  http://www.agenzia.redattoresociale.it

Associazione Comunitalia C.T. Via Di Bravetta 395, Roma